IPVL’Università Pontificia Salesiana (UPS), attraverso l’Istituto di Pedagogia Vocazionale (IPV) della Facoltà di Scienze dell’Educazione (FSE) promuove nel 2017-18 la seconda edizione del Corso di Alta Formazione in Pastorale Vocazionale con la finalità dell’aggiornamento e dell’abilitazione professionale di Incaricati della pastorale vocazionale nelle Chiese locali, diocesi, province religiose e negli ambiti della Vita consacrata o delle Vocazioni Laicali. Il diploma è di natura accademica per chi ha almeno un Baccalaureato o una Laurea triennale. Rappresenta invece un Corso professionalizzante, e quindi, con attestato di frequenza e di certificazione dell’acquisizione di conoscenze, abilità e competenze, con l’accreditamento dei corsi previsti, per chi non ha una laurea universitaria.

Destinatari

Destinatari privilegiati di questo Corso sono i Direttori e i collaboratori degli Uffici Diocesani e Regionali delle Vocazioni e i Responsabili o Incaricati delle vocazioni per la Vita Consacrata a diverso livello, specialmente quello provinciale, e altre forme di vita associativa nella Chiesa.

Obiettivi e competenze

Gli obiettivi specifici del Corso sono:

  • Approfondire la realtà della vocazione a livello teologico pastorale e socio-psicopedagogico;
  • Rispondere alle esigenze di professionalizzazione-specializzazione richieste da diverse istituzioni per iniziare coloro che operano in campo vocazionale con diverso grado di  responsabilità o di animazione;
  • Rafforzare le competenze degli operatori vocazionali offrendo quadri teorici, tecniche e strategie operative, esercitazioni per integrare teoria e prassi.
  • Iniziare alla pratica dell’animazione vocazionale della Chiesa particolare e locale e/o in quella della vita consacrata e dei movimenti ecclesiali.
  • Abilitare alla valutazione della realtà vocazionale negli ambienti pastorali.
  • Abilitare alla progettazione di interventi educativo-pastorali-vocazionali mirati attraverso itinerari specifici.

Il partecipante al corso sarà iniziato o qualificato nelle seguenti competenze:

Pastorali:

  • Riflessione pratica sulle azioni pastorali dal punto di vista vocazionale.
  • Uso delle conoscenze bibliche e teologiche sulla vocazione e sulla pastorale vocazionale nell’animazione vocazionale ecclesiale.
  • Uso delle conoscenze sui processi di evangelizzazione con i loro dinamismi, contenuti, linguaggi, e metodologie nel servizio alle vocazioni.
  • Applicazione dei criteri e delle metodologie appropriate ai differenti momenti dell’itinerario vocazionale: accoglienza e discernimento; proposta e orientamento; progetto di vita e iniziazione nella missione ecclesiale; accompagnamento nella perseveranza della scelta.
  • Inserimento nell’animazione vocazionale della Chiesa particolare o locale, e della vita consacrata o dei movimenti ecclesiali.
  • Programmazione e realizzazione di strumenti idonei alla valutazione delle attività e sussidi di vario tipo proposti in ambito di pastorale vocazionale.

Ermeneutiche:

  • Lettura socio-psicopedagogica delle dinamiche adolescenziali e giovanili nell’ambito vocazionale.
  • Analisi, interpretazione e orientamento dei processi di crescita vocazionale a livello individuale e di gruppo.

Progettuali:

  • Analisi pastorale e vocazionale degli ambienti e luoghi in cui si attua l’evangelizzazione.
  • Progettazione dell’animazione vocazionale in ambito comunitario, territoriale e diocesano.
  • Intervento educativo-pastorale tramite uno stile dialogico e cooperativo.
  • Sensibilizzazione e abilitazione al dialogo e alla collaborazione con altri settori pastorali diocesani, provinciali, nazionali, ecc .

Relazionali:

  • Dialogo vocazionale in rapporto al contesto socio-culturale di riferimento.
  • Comprensione del processo di accompagnamento personale e di gruppo.

Organizzative e Gestionali:

  • Coordinamento e organizzazione dei Centri vocazionali ai vari livelli.
  • Organizzazione di attività di animazione vocazionale a vario raggio.

Etico-deontologiche:

  • Assunzione del Codice Etico dell’Istituto di Pedagogia Vocazionale.
  • Valutazione etico-deontologica di problematiche e di casi che hanno una valenza vocazionale.

Socio-comunicative:

  • L’utilizzo di tecniche e strategie comunicative in relazione con il proprio sé, con gli altri, e con i destinatari dell’azione pastorale.
  • Il cybellinguaggio e il cyberspazio della comunicazione oggi nel mondo giovanile.

 

Metodologia e didattica

Il Corso prevede 175 ore di lezione frontali, 25 ECTS e 5 ECTS di lavoro conclusivo, con forte accentuazione applicativa, con le relative ore di lavoro personale del Corsista.

  • Si svolge in 9 incontri di due giorni al mese per le lezioni frontali, 5 nella prima parte dell’anno e 4 nella seconda, svolti sempre tra giovedì e venerdì, con un totale complessivo di 16 ore di lezione per ogni incontro.
  • Oltre a questo, sono previsti 4 giorni residenziali per il Seminario di accompagnamento e direzione spirituale dell’UNPV-CEI nella settimana dopo Pasqua. Il Seminario è parte costitutiva della programmazione del Corso.
  • È consigliata, ma non obbligatoria, la partecipazione al Convegno Vocazionale Nazionale dell’UNPV-CEI di gennaio 2018 (le ore corrispondenti a questo evento non sono conteggiate nell’ammontare totale delle ore del corso).

La frequenza ai corsi è obbligatoria; le eventuali assenze non dovranno superare il 30% delle lezioni.

 

Aree formative

Il Corso prevede cinque aree formative convergenti sulle abilità e competenze proposte.

  1. AREA TEOLOGICO PASTORALE: offre i presupposti essenziali del settore, la concettualizzazione indispensabile per ottenere una rinnovata visione della vocazione di largo respiro umano ed ecclesiale per comprenderla dal punto di vista teologico e fondare l’orientamento del servizio ecclesiale ad essa rivolto.
  2. AREA PEDAGOGICA: propone una visione socio-pedagogica della realtà giovanile e un approccio umano e umanistico della vocazione; offre all’operatore vocazionale gli elementi metodologici di base per un intervento educativo a livello personale e di gruppo.
  3. AREA PSICOLOGICA: prospetta il rapporto tra la rilevanza emotivo-affettiva della percezione della propria vocazione nel suo stato nascente e la costruzione della propria identità, e il contributo della psicodiagnosi. Si approfondiscono le dinamiche della risposta libera che lasciano l’essere umano disponibile a Dio e ai suoi segni. A ciò si aggiungono le principali indicazioni per il counselling vocazionale, cioè, per il processo d’aiuto alla persona in ricerca e le tematiche che costituiscono il suo oggetto specifico.
  4. SOCIOCOMUNICATIVA: offre una lettura oggettiva del mondo giovanile e vocazionale e l’acquisizione degli elementi base per essere efficienti ed efficaci nel mondo dei media, il cyberlinguaggio e il cyberspazio.
  5. AREA ORGANIZZATIVA-PROGETTUALE: propone l’ispirazione operativa, gestionale e pratica del Corso, segnalando le principali linee applicative per il settore vocazionale della progettazione pastorale, il collegamento con il territorio, il contatto diretto con l’esperienza dell’UNPV-CEI, e con alcune iniziative ed esperienze di animazione vocazionale della Vita Consacrata.

I Corsi previsti per ogni area formativa sono i seguenti:

 

AREE FORMATIVE

CORSI

ECTS

1. TEOLOGICO PASTORALE

A. La vocazione nella Bibbia

2

C. Teologia della vocazione e delle vocazioni

3

3. PEDAGOGICA

A. Direzione spirituale e accompagnamento vocazionale (Seminario UNPV, residenziale)

2

B. Pastorale vocazionale e pedagogia della vocazione

3

C. L’animazione vocazionale del e attraverso il gruppo

2

D. Etica e deontologia della pedagogia delle vocazioni

1

2. PSICOLOGICA

A. Psicologia della vocazione

2

B. Counselling vocazionale

2

4. SOCIO-COMUNICATIVA

A. Giovani ed educazione oggi

2

B.  La vocazione cristiana nel tempo della cultura tecnodigitale

2

5. ORGANIZZATIVO-PROGETTUALE

A. L’UNPV

2

1)  Contenuti e metodi dell’UNPV

 

2) Strumenti e progetti della Pastorale Vocazionale

 

B. Iniziazione alla progettazione in Pastorale Vocazionale

2

1) Introduzione al lavoro di Progettazione in Pastorale Vocazionale

 

2) Guida pratica all’elaborazione dei progetti di Pastorale vocazionale

 

LAVORO CONCLUSIVO

Esercitazione di progettazione in Pastorale Vocazionale

5

TOTALE ECTS

 

30

Nota: Ogni ECTS suppone 25 ore di lavoro dello studente, quindi, i 30 ECTS equivalgono a 750 ore in totale; delle 25 ore, di ogni credito, 7 ore si tengono come lezione frontale, con il docente di ogni materia, quindi, 175 ore di lezione. Le ore corrispondenti ai 5 crediti del lavoro conclusivo sono 125 ore che lo studente dovrà impegnare nella sua elaborazione.

 

Il lavoro conclusivo per l’approvazione del Corso

Il Corsista deve procedere elaborare un piano d’intervento vocazionale in un ambiente, contesto o attività specifica, alla luce dei corsi frequentati.

Obiettivo

Il lavoro conclusivo è orientato a raggiungere i seguenti obiettivi:

  • abilitarsi a progettare il lavoro vocazionale in un ambito territoriale-ecclesiale
  • applicare in forma concreta e mirata le proposte esplicite ed implicite del corso
  • rinforzare la competenza operativa nel settore
  • valutare e rielaborare progetti vocazionali.

Struttura

Il lavoro soprannominato può essere iniziato fin dalle prime lezioni. Deve contenere:

  • le indicazioni sulla condizione umana, cristiana, ecclesiale oggettiva in cui si realizzerà;
  • la valutazione del lavoro vocazionale effettivamente svolto finora, nel territorio, settore, o ambito di riferimento indicando;
    • i «bisogni vocazionali» emergenti;
    • gli elementi costruttivi da conservare, con le conseguenti motivazioni;
    • gli elementi da eliminare o togliere, con le conseguenti motivazioni;
    • le novità da inserire con le dovute motivazioni.
  • la determinazione delle finalità prioritarie e dei loro obiettivi subordinati;
  • i principi prescelti per la descrizione della realtà e conseguente giustificazione della scelta di ognuno di essi;
  • l’identificazione e descrizione delle attività pastorali e/o educative previste per l’animazione vocazionale con sufficiente concretezza e applicabilità sul territorio;
  • l’individuazione di forme e temi di valutazione in itinere e in uscita.

L’elaborazione del lavoro sarà sostenuta dalle Esercitazioni di Pastorale Vocazionale, e potrà attuarsi in buona parte lungo il corso, e va consegnato entro e non oltre il 15 agosto 2018.

Valutazione

La valutazione del Corso si attua in base ad un lavoro conclusivo che si sviluppa lungo l’anno attraverso l’elaborazione di un piano d’intervento vocazionale nel suo contesto alla luce dei contributi dei vari corsi frequentati.

Gli aspetti parziali della sua realizzazione si condivideranno nell’ambito delle lezioni dedite alla Guida pratica all’elaborazione di progetti di pastorale vocazionale.

 

Iscrizione: Note organizzative

Requisiti

Per essere ammesso al Corso si richiede:

  • almeno il diploma di scuola secondaria di secondo grado;
  • la certificazione di un’esperienza pastorale tale che consenta l’integrazione dei contenuti e del linguaggio utilizzato nel corso, attraverso la lettera di autorizzazione o presentazione (vedi sotto);
  • la conoscenza funzionale della lingua italiana o la certificazione del livello B1 (il corso si propone in lingua italiana).

Numero di iscritti

Il numero minimo di partecipanti è di 20 corsisti ed il numero massimo è di 50.

Quota d’iscrizione

Il costo dell’iscrizione è di 1300,00 euro ed è comprensivo del materiale didattico utilizzato La quota può essere saldata in 2 rate: la prima all’atto d’iscrizione, la seconda entro e non oltre marzo 2018.

Presentazione della domanda d’iscrizione

  • Invio dei documenti: La domanda si deve inviare alla Direzione del Corso tra il 1º settembre e il 21 ottobre 2017, tramite e-mail all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. e deve portare in allegato:
  • Fotocopia del documento di identità
  • Fotocopia titolo di studio
  • I sacerdoti, i religiosi o le religiose e i consacrati in genere, devono allegare una lettera di presentazione dell’Ordinario e/o del Superiore che approva l’iscrizione
  • I laici, devono allegare una lettera di presentazione di un ecclesiastico che avvalli la scelta dell’iscrizione al corso.
  • Autorizzazione dell’IPV: ricevuta tutta la documentazione sopra indicata, la segreteria del Corso autorizzerà il partecipante a procedere al versamento della prima rata tramite bonifico bancario.
  • Bonifico bancario:
    • Intestazione: PONTIFICIO ATENEO SALESIANO, p.zza Ateneo Salesiano, 1. Roma – Banca Popolare di Sondrio, AG. 19 di Roma
    • IBAN: IT76T0569603219000004600X29 – CODICE SWIFT: POSOIT22XX
    • Causale: Iscrizione Corso Alta formazione Pastorale Vocazionale (prima [o seconda rata])
  • Invio del Documento attestante l’avvenuto versamento della prima rata di 650,00. Finalmente, il partecipante al Corso può inviare la contabile del bonifico realizzato, attivando in questo modo la propria iscrizione.

Calendario

Gli incontri si tengono nelle seguenti date: 

  1. 19-20 OTTOBRE 2017
  2. 16-17 NOVEMBRE 2017
  3. 14-15 DICEMBRE 2017
  4. 03-05 GENNAIO 2018: Convegno Vocazionale Nazionale (consigliato)
  5. 18-19 GENNAIO 2018
  6. 22-23 FEBBRAIO 2018
  7. 15-16 MARZO 2018
  8. 03-06 APRILE 2018: SEMINARIO DI DIREZIONE SPIRITUALE E ACCOMPAGNAMENTO VOCAZIONALE
  9. 19-20 APRILE 2018
  10. 17-18 MAGGIO 2018
  11. 14-15- GIUGNO 2018

Orario

Giovedì, dalle ore 10.35 alle 13.00, e dalle 14.30 alle 18.45.

Venerdì, dalle ore 08.45 alle 13.00, e dalle 14.30 alle 16.55.

 

Altre informazioni

Sede del Corso

Università Pontificia Salesiana

Piazza dell’Ateneo Salesiano, 1 – 00139 Roma

 

Partner di speciale responsabilità e partecipazione

l’Ufficio Nazionale per la Pastorale delle Vocazioni della Conferenza Episcopale Italiana.

 

Direttori del Corso

Il Corso è diretto dai Docenti dell’Istituto di Pedagogia Vocazionale della FSE dell’UPS

Prof.ri Giuseppe Mariano Roggia e Mario Oscar Llanos.

 

Vitto e alloggio

Il costo non include le spese di vitto e alloggio.

Ulteriori informazioni

  • E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Telefono: 06.872.90.600 (dal lunedì al venerdì - ore 9.00-12.30)
  • http://fse.unisal.it oppure vocazioni.chiesacattolica.it
  • il pdf con tutte le info