Storia

1937
Nell’ambito del nascente Pontificio Ateneo Salesiano, sotto gli auspici dell’allora Rettor Maggiore dei Salesiani, don Pietro Ricaldone, si volle che all’interno della Facoltà di Filosofia ci fossero, tra l’altro, un Istituto e Seminario di Pedagogia con una speciale Scuola catechetica, e un Istituto di Psicologia, in vista della formazione di insegnanti ed educatori competenti in pedagogia e didattica.
1941
(11 ottobre) All’inaugurazione dell’anno accademico del Pontificio Ateneo Salesiano il Gran Cancelliere diede una «lieta comunicazione»: l’inizio di una species facultatis di Pedagogia, nella speranza di una sua prossima approvazione da parte della Congregazione dei Seminari e delle Università. Il primo Decano Don Carlos Leôncio affermava che bisognava creare una «Facoltà esclusivamente di Pedagogia», nella quale venisse affrontato il problema pedagogico «in tutta la sua estensione e profondità», tenendo presenti tutti gli «elementi scientifici teoretici», necessari per un’adeguata soluzione del medesimo con un robusto corpo di materie (Introduzione alla pedagogia, Fisiologia applicata all’educazione, Psicologia sperimentale generale e dell’età evolutiva, Filosofia dell’educazione, Propedeutica all’educazione cristiana e catechetica, Storia dell’educazione e della pedagogia, Pedagogia generale e speciale, Didattica, Legislazione scolastica, Igiene scolastica, Edilizia scolastica, Biotipologia, Psico­patologia pedagogica, Reattivi mentali).
1948
Inizia la pubblicazione presso la casa editrice SEI di Torino della Collana Pedagogica Don Bosco articolata in tre sezioni: Teoretico-generale, storico-cristiana, serie specializzata.
1949
Nasce la rivista Orientamenti Pedagogici della Facoltà. Inizialmente pubblicata dalla casa editrice SEI e dal 2002 dalla Erickson di Trento.
1950
Erezione dell’Istituto Superiore di Pedagogia. il Rettor Magnifico, Don Eugenio Valentini, riceveva il Decreto con cui la citata S. Congregazione erigeva, «in seno alla Facoltà di Filosofia del Pontificio Ateneo Salesiano, l’Istituto Superiore di Pedagogia concedendogli il diritto di conferire gradi accademici in “Filosofia-Pedagogia”». Intanto era stata presa definitivamente la decisione di trasferire il Pontificio Ateneo Salesiano a Roma. Già da alcuni anni si stava pensando a una sede apposita, che potesse riunire tutte le Facoltà del PAS. Da un’attenzione privilegiata per gli studenti salesiani (1945) si è passati, in un secondo momento (1956), alla considerazione centrale dei sacerdoti, tanto religiosi come secolari, e finalmente all’apertura ai laici, già proposta nel progetto del 1959.
1951
Entrò in funzione il Centro di Consulenza Psico-pedagogica, diretto dai proff. G. Dho e M. Gutiérrez, con particolare attenzione ai problemi dei candidati al sacerdozio e alla vita religiosa.
1952
L’Istituto Superiore di Pedagogia si trasferisce nella sede definitiva di Via Francesco Cocco Ortu, 45 (oggi Piazza dell’Ateneo Salesiano). L’impressione che offriva era quella di una Facoltà ben organizzata, ricca di iniziative, ben equipaggiata quanto a personale e a strutture operative, solida nella sua impostazione scientifica, riconosciuta nel suo valore originale sia in campo laico che ecclesiastico.
1965-1980
La vita della FSE viene segnata dalla recezione, discussione e attuazione delle nuove disposizioni della Chiesa: la costituzione apostolica Sapientia Christiana e le annesse norme Applicative.
1974-1975
Nel Piano di Azione della Facoltà emerge chiaramente un atteggiamento che da sempre ha caratterizzato la FSE: essere presenti nel mondo pedagogico e operare a favore degli educatori. In quel «Piano d’azione» si stabilisce d’intensificare i collegamenti con università italiane ed estere, con la scuola cattolica e di stato, con movimenti e centri di studio, con la «base attiva» degli educatori salesiani; sul piano operativo concreto si decide di fare della seconda sezione di Orientamenti Pedagogici un «privilegiato organo di collegamento e di documentazione», di promuovere ricerche interdisciplinari e convegni interideologici.
1997
Viene pubblicato il Dizionario di Scienze dell’educazione. Dopo 10 anni nel 2007 verrà pubblicata una nuova edizione con l’aggiornamento delle voci.
1998
L’Istituto di Comunicazione Sociale (ISCOS) viene elevato dalla Santa Sede a Facoltà di Scienze della Comunicazione Sociale. Con decreto del Gran Cancelliere, vengono riconosciuti come centri sponsorizzati la Scuola per Educatori Professionali “Don Bosco” di Firenze e l’Istituto Progetto Uomo di Vitorchiano (VT).
1999
La FSE aderisce al Processo di Bologna, il movimento non legislativo volontario e non impositivo che mirava alla creazione di un’ampia area di insegnamento superiore, caratterizzato da mobilità di studenti e docenti e anche da un innalzamento del livello qualitativo. Vengono approvati i nuovi Statuti e Ordinamenti che prevedono i seguenti curricoli: Pedagogia e comunicazione sociale, pedagogia per la formazione delle vocazioni, pedagogia sociale, pedagogia per la scuola e la formazione professionale, psicologia dell’educazione e pastorale giovanile e catechetica gestito in collaborazione con la facoltà di teologia.
2000
La scuola superiore Internazionale di scienze della formazione di Venezia-Mestre viene aggregata alla Facoltà e la scuola superiore di formazione di Torino-Rebaudengo viene affiliata alla Facoltà.
2001
Vengono affiliati alla facoltà l’Istituto superiore universitario di Scienze psicopedagogiche e sociali “Progetto Uomo” di Vitorchiano (VT) e la scuola superiore di scienze dell’educazione di Firenze. Approvazione della sponsorizzazione dell’IFREP-93.
2010-2011
Revisione della ratio studiorum della Facoltà con aggiornamenti in base alle indicazioni del processo di Bologna e ai descrittori di Dublino.
2016
Approvazione dello Statuto dell’Osservatorio Internazionale della Gioventù.
2017
Viene approvato il Dottorato congiunto in studi sulla gioventù tra FSE-UPS e la Facoltà di Scienze Sociali dell’Università Cardinale Silva Henríquez (Santiago del Cile).
2018-2020
Revisione degli Statuti, dell’Ordinamento degli Studi e dei Regolamenti generali alla luce della Veritatis Gaudium.
2019
Con decreto del Gran Cancelliere, dopo l’approvazione della Congregazione per l’Educazione Cattolica, vengono aggregati alla facoltà gli istituti SED di Firenze-Massa e IPU di Montefiascone (VT). Nello stesso anno viene affiliato alla facoltà l’Istituto “Don Giorgio Pratesi” di Soverato (CZ). Revisione del curricolo di Pedagogia sociale, con la creazione di tre indirizzi di specializzazione: educatore di comunità, educatore per i servizi all’infanzia ed educatore per i servizi nella disabilità.
2020
Nuovo rapporto di autovalutazione della Facoltà in vista del rapporto di valutazione dell’AVEPRO.